Ma tu conosci Tempesta Gallery?

Situata nel cuore pulsante di Milano, a pochi passi dal Castello Sforzesco, Tempesta Gallery è uno spazio espositivo polifunzionale che indaga il rapporto tra l’arte contemporanea e le tematiche legate alla sostenibilità ambientale e alle questioni di genere.

Diana Orving, Introspection (exhibition view), 2022, Tempesta Gallery Milano, courtesy of Sarah Indriolo

Al numero 68 di Via Foro Buonaparte si apre lo spazio white cube di Tempesta Gallery che interrompe inaspettatamente la continuità degli edifici in stile neoclassico che si affacciano sulla strada trafficata. Inaugurata nel 2020, la galleria nasce con la volontà di esplorare la capacità comunicativa dell’arte contemporanea attraverso un dialogo costante con le dinamiche dei rapporti tra gli esseri umani, l’ambiente naturale e i diversi ecosistemi socio-culturali. Si tratta di un’innovativa linea progettuale voluta da Elisa Bonzano e Enrico Angelino, direttori della galleria, volta a promuovere un’azione di approfondimento e consapevolezza attraverso la lente interpretativa di artiste e artisti italiani e internazionali. Alma Heikkila, Ane Graff, Ana Hillar, Matteo Lucca sono questi i nomi degli artisti che hanno contribuito a dare forma ad un progetto fecondo, che si dirige verso un graduale ridimensionamento delle pratiche escludenti ed elitarie che caratterizzano il mercato dell’arte. Tempesta Gallery volge il proprio sguardo ad un modello di galleria come luogo di inclusione e di dibattito, agendo come presidio di prossimità non solo a clienti e collezionisti, ma anche a pubblici più ampi e trasversali.

Diana Orving, Introspection (exhibition view), 2022, Tempesta Gallery Milano, courtesy of Sarah Indriolo 

Al momento la galleria ospita la prima mostra personale dell’artista svedese Diana Orving. Dal titolo Introspection, l’esposizione presenta una serie di grandi sculture tessili frutto di una ricerca associativa e immediata tra movimento, materiale e idee che prendono forma attraverso la tecnica del drappeggio. I pezzi di Diana Orving sono fluttuanti, i tessuti danzano liberandosi dalle cornici che li trattengono, creando infinite coreografie, paesaggi indefiniti, immagini che assomigliano a corpi femminili: «Un’intimità tra tessuto e la pelle, che si infrange come nebbia nel deserto, come onde dell’oceano.» La materialità è il fattore primario della sua cifra stilistica: i tessuti utilizzati sono composti principalmente da fibre naturali di alta qualità, come cotone, canapa e seta provenienti da scorte di materiale inutilizzato e riciclato in modo sostenibile, che l’artista tinge e modifica individualmente. 

Diana Orving, Introspection, 2022, Tempesta Gallery Milano ,courtesy of Sarah Indriolo 

Un tema ricorrente nelle opere di Orving è l’esplorazione del corpo femminile e l’esperienza della maternità che l’artista ha attraversato con profonda introspezione. La sua nuova opera Becoming realizzata per Tempesta Gallery è un’installazione sospesa che evoca la forma densa di una placenta: il grembo materno da cui tutto nasce si avvicina alle fattezze di un albero, polmone connettore del corpo terrestre. L’opera è realizzata in iuta, con trame sinuose alternate da qualità più consistenti e rigide.

È possibile visitare la mostra fino al 24 Febbraio. Dal martedì al venerdì,  dalle 11:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30; sabato su appuntamento. 

Teresa Ranchino

Diana Orving, Becoming, 2022, Textile sculpture, vari tipi di iuta, Tempesta Gallery Milano, courtesy of Sarah Indriolo
Diana Orving, Unseen, 2022, tessuto di iuta, Tempesta Gallery Milano, courtesy of Sarah Indriolo
Diana Orving, Introspection, 2022, Tempesta Gallery Milano, courtesy of Sarah Indriolo 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...